Codice fisc.:

Password:
Unione Nazionale Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili

Novità - News dall'Unione - 1 aprile 2016

espandi e contrai Filtri
Dal:
Al:


Filtra
Cancella

COMUNICATO STAMPA - DATI ANAGRAFE

logonews venerdì 01 aprile 2016

700milioni di dati: compliance o boomerang?

Il Comunicato stampa dell’Agenzia delle Entrate del 29 avvia il secondo episodio della saga “Precompilato”. Come si legge ci sono ben 700milioni di dati in più, inviati da chi, come noi commercialisti, ha rispettato le scadenze anche a fronte di difficoltà create dalla girandola dei chiarimenti dell’ultimo minuto. Nel Comunicato si legge che l’ottenimento di tale mole d’informazioni è stato possibile “grazie al contributo di tutti gli attori coinvolti”!

Siamo sicuri che basti un “grazie” a chi, oltre a rendere possibile la realizzazione del progetto “precompilata”, è consapevole di assumersene anche le responsabilità? Non si può certo dimenticare la previsione che, di fatto, vede gli intermediari “certificatori” della veridicità delle informazioni fornite dall'Amministrazione Finanziaria e dal contribuente, con l’accollo degli oneri derivanti da eventuali errori di questi ultimi.


Tutto ciò porta ad un’ulteriore e più preoccupante riflessione: il sistema “Amministrazione Finanziaria” è davvero pronto a servirsi in modo corretto ed efficiente di tale mole di dati? Esistono concrete tutele per il contribuente a fronte di un impiego poco consapevole delle informazioni?


L’UNGDCEC ha già rilevato, nel corso del “Forum” dello scorso dicembre, le criticità nella gestione delle nuove forme di Comunicazione nello scambio d’informazioni con l’Amministrazione Finanziaria e la Guardia di finanza introdotte dalla Legge di Stabilità del 2015.


L’invio dei dati finanziari rende ancor più preoccupante lo scenario: la scarna previsione dell’art. 11 del d.l. 201/2011, che “autorizza” l’utilizzo delle informazioni per l’”analisi del rischio di evasione”, fa temere, concretamente, che, a fronte di richieste di chiarimenti dell’Amministrazione Finanziaria, il contribuente non abbia altra scelta se non fornire in dettaglio i propri estratti conto, pur in assenza del rispetto delle procedure previste per gli accertamenti bancari.


L’UNGDCEC ritiene che, se si vuole continuare a parlare di compliance, ovvero di un nuovo rapporto tra fisco e cittadino, le regole del confronto devono essere chiare soprattutto quando l’utilizzo di una mole di dati, quali quelli presenti attualmente in anagrafe tributaria, rende palesemente deboli gli strumenti di tutela del contribuente.


L’invio dei dati destinati a rimpinguare l’Anagrafe tributaria si rispetta ad ogni costo … tutto il resto può attendere!


La Giunta UNGDCEC





© copyright Unione Nazionale Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili
Circonvallazione Clodia, 86 - 00195 Roma (RM) - tel. 06 3722850 - fax 06 3722624 - E-mail info@ungdc.it
P.IVA 05356201003 - CF 03367080151
Informativa sulla privacy

Realizzato da OPEN Dot Com Spa - Società di servizi dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili